Lussino, l’isola verde da vivere in cammino. The island of vitality.

Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Come scegliere una vacanza?

Sembra facile a dirsi… Dipende dal budget, dalla stagione, e da ciò che vogliamo veramente per il tempo di cui disponiamo. C’è chi ama stare a lungo in relax, e chi come me, spinta dalla voglia di scoperta e di conoscenza, non riesce a star ferma. Per chi ama viaggiare nulla di nuovo, solo elementi essenziali  per la scelta delle proprie vacanze. Ebbene, è esattamente questa necessità di impiegare al meglio il mio tempo, che mi induce ogni volta a ricercare con molta attenzione la meta dei miei viaggi.

Vivere bene una vacanza, per me. Che cosa serve?

Serve emozione, conoscenza, natura, cammino, arte e storia. Il tempo è prezioso. Premesso questo, qualche settimana fa ho iniziato la mia ricerca con letture e navigazioni sul web, fino a trovare la giusta destinazione del momento. Un’isola con una superficie complessiva di 513 km² all’interno del golfo del Quarnero, in Croazia, l’undicesima per grandezza nell’Adriatico: la boscosa Lussino (Lošinj), in antichità unita all’isola di Cherso.

Lussino (Lošinj)

Una terra in cui la qualità dell’aria è costantemente controllata, e che per questo si distingue come stazione di cura climatica per il trattamento delle malattie delle vie respiratorie. La tutela dell’ambiente e l’offerta per un turismo accessibile ha conferito a Lussinpiccolo (Mali Lošinj), principale località dell’isola,  il riconoscimento ETIS: Sistema europeo di indicatori per il turismo. Un progetto della Commissione Europea nato nel 2013 per la valutazione della sostenibilità delle destinazioni turistiche.

Flora & Aromaterapia

Per raggiungere tale traguardo è stato determinante l’intervento di rimboschimento del Prof. Ambroz Haračić, avvenuto alla fine del XIX secolo, e ai molti personaggi dell’isola che nei loro viaggi hanno portato piante esotiche contribuendo così a creare rigogliose pinete. A Lussino sono presenti 1.100 specie di piante: 939 autoctone e 230 varietà di erbe medicinali. E’ cosi che camminando lungo i sentieri a ridosso del mare, ma soprattutto respirando a pieni polmoni i profumi benefici delle piante aromatiche, si può fare naturalmente aromaterapia.  Un’esperienza di grande benessere in ogni mese dell’anno.

Gennaio e Febbraio sono i mesi dei limoni, delle arance e dei mandarini. Marzo il mese del rosmarino, dell’eucalipto e dell’alloro. Aprile il mese degli asparagi, della cipollina e della borragine. Maggio il mese della salvia, del finocchio e dell’ortica. Giugno il mese della ginestra, della lavanda, della piantaggine e del perpetuino. Luglio il mese della bougainvillea, della menta e dei bubbolini. Agosto il mese dell’oleandro, della nespola e dei fichi. Settembre il mese dell’uva, dei fichi d’india e del finocchio marino. Ottobre il mese del mirto, del corbezzolo e del tarassaco. Novembre il mese delle olive, della rosa canina e del melograno. Dicembre il mese dell’agave americana, del pino e del ginepro.

Fauna

Quando, procedendo nelle mie ricerche, ho letto che un gruppo di 180 delfini identificati attraverso segni sulle spine dorsali da tempo si è ambientato in queste acque, la scelta della destinazione si è fatta più certa. Un mammifero dell’ordine dei cetacei che suscita il mio interesse da sempre. Forse per la sua indole dolce e socievole, o forse perché simbolo di fedeltà. Di fatto, parlo di un animale che vive in branchi numerosi, intelligente e allegro, che, a detta dei marinai è amante della musica, e che per questo è solito seguire le imbarcazioni che emettono melodie. Dal 1995 i mammiferi marini in Croazia sono protetti per legge.

Museo di Apoxyòmenos

Dal 1999 con la scoperta del bronzo antico di Apoxyòmenos (II.-I. sec. a.C.), una scultura tra le meglio conservate di quel periodo, Lussino è diventata anche un’importante sede archeologica. Nel 2016 è stato inaugurato il Museo che ospita la statua ellenistica dell’atleta nudo, rivenuta nei fondali dell’isola grazie ad un turista belga.

Alla fine ho deciso e sono partita…

Ho preso un traghetto da Trieste e con un gruppo di persone che amano fare trekking nella natura, guardando il mare dopo qualche ora sono arrivata. Insieme abbiamo camminato a lungo seguendo i tantissimi sentieri presenti sull’isola. Si, perché Lussino è un luogo da vivere in cammino. Un’oasi verde per chi ama la natura e la vacanza attiva. Un posto per pensare, dove il respiro si fa lento e riprende il ritmo giusto.  Dove i passanti si fermano per fare degli “ometti”, piccoli cumuli di pietra che indicano la giusta direzione. Ne ho fatto uno anch’io, dedicato ad una persona che andata tra le stelle. Qui, nelle sere limpide, con lo sguardo rivolto al cielo, ne ho viste tante…

Si ringrazia l’Ente Turistico di Lussino per la gentile concessione delle foto dei delfini e di Apoxyòmeno.

Ente per il Turismo della città di Mali Lošinjj
Priko 42, HR – 51550 MALI LOŠINJ, Hrvatska
Tel: +385 51 231 884 – Tel: +385 51 231 547
E-mail: losinj@visitlosinj.hr

Comments

comments