Interviews & Characters

“A chat with ... Giorgio Ferrari”

Written by CinziaTosini

Giorgio Ferrari, Professor of Contemporary History, author and host of cultural programs for RAI. An honor to have him as a friend, a pleasure to let you know.

  • Who is Giorgio Ferrari?  

It’ the sum of his memories of the gene inherited. Without memories, we are nothing. So it is with the people. The Italians are the sum of experiences in History. If you lose, returns to be confused that the common people have no voice. So it is with wine and food and wine. The kitchen becomes poor that wealth, wine farmers who becomes DOC. This too is History. Our roots gave birth to the Italian people, with its traditions, with his creativity, with its excellence known in the world… E il territorio italiano pulsa di Storia ad ogni passo. “Perché certi piatti si fanno così in un determinato posto e non in un altro? Because creativity, la fantasia e le esigenze della gente di quel posto hanno creato quella cucina”.

  • George, com’è nata la tua passione per la storia?

Fin da bambino. Alle elementari la parte storica del sussidiario la leggevo tutta di un fiato. Naturalmente allora mi affascinavano le battaglie e i grandi eroi. Poi col passare degli anni ho capito che la Storia siamo noi. Ognuno ha il suo ruolo piccolo o grande.

  • Che personaggio storico avresti voluto incontrare, e perché?

Ne vorrei incontrare molti. Forse quello che mi intriga di più è Voltaire. Non ha combattuto battaglie, non è stato uno statista, ma con i suoi saggi, soprattutto col Trattato sulla tolleranza, ha cambiato il Mondo, ha innescato un moto per cui oggi godiamo di libertà (anche se spesso non la sappiamo usare) e uguaglianza dei diritti.

  • It’ ormai diffusa la tendenza nel recuperare vecchie tradizioni del passato sia in vigna che in cantina. Credi che sia solo una moda, o che ci sia una vera voglia di ritorno alla vita dei bei tempi?

Credo che sia una tendenza inarrestabile. E dovrebbe far scuola. Senza le nostre tradizioni siamo automi in balia di ogni imbonitore.

  • Per chi ti conosce bene è nota la tua passione per la vodka. Questo amore è dettato solo da una questione di gusto, o da altri fattori?

La vodka è un pocome un panino, si consuma in fretta, entra subito in circolo e tra amici crea un immediato circuito di allegria. Per la verità il liquore che amo di più è il whiskey torbato. Ideale nelle lunghe serate invernali, magari mentre leggo un bel libro.

  • Credi che sia possibile per i giovani un futuro da investire nella terra?

Il futuro è nella terra. Ho conosciuto molti giovani professionisti che a vario titolo ci lavorano e l’amano. Se avessi un figlio lo indirizzerei li. Oggi ilmondo contadinonon è più quello che Marx definiva nella formula: “Idiotismo della vita rurale”. It’ un campo in cui ci vuole grande professionalità, oltre che passione.

  • Giorgio ormai hai un appuntamento serale fisso sulla tua bacheca facebook. Quasi un servizio sociale per coloro che in alcuni momenti di solitudine della propria vita, sanno di poter trovare sempre un amico disponibile con cui discorrere dei temi più svariati. Com’è nato tutto questo?

Nacque per puro caso. Una sera scrissi che mi stavo versando una vodka e un gruppo di amici commentarono: “A noi non la offri?” La sera dopo scrissi non mi ricordo più cosa e gli stessi amici commentarono: “Ehi, questa sera non si beve?” Così è nato il mio bar virtuale. Ogni sera è aperto, cambiano gli avventori, a volte è affollatissimo, a volte è quasi deserto, ma la porta è sempre aperta per gli amici.

 
image_pdfimage_print

Comments

What does the Author

CinziaTosini

I think we can save the Earth, if we can save her.

Leave a comment

Follow us

Want all posts via email?.

Add your email:

Using the site, accept the use of cookies by us. more information

This site uses cookies to fonire the best browsing experience possible. By continuing to use this website without changing your cookie settings or click on "Ax" allow their use.

Close