Vivere Naturale

Siete sicuri di saper respirare?

CinziaTosini
Written by CinziaTosini

Il respiro è l’anima della vita. Tutto respira. La Terra respira.

E ora vi chiedo: “Siete sicuri di saper respirare?”

Respirare è molto di più di un atto meccanico. Respirare è saper godere appieno delle emozioni della vita.  La verità è che la frenesia della vita quotidiana ormai ci ha sopraffatto trascinandoci come in un vortice, senza respiro, nell’indifferenza, nell’ansietà…

Ora fermatevi, e guardate quest’immagine. E’ la Terra, siamo noi, noi li nell’universo, nell’immenso del cielo… e ora respirate, e respirate, e respirate… Io l’ho fatto sul serio, con una tecnica che prende il nome di rebirthing. Volevo approfondire questo argomento da tempo, ma come per ogni cosa che racconto, dovevo viverla, è così è stato. Posso solo dirvi che, respirando guidata da amici esperti, ho avuto come la sensazione di vagare nello spazio, una forte emozione che non si può spiegare a parole, si può solo vivere.

Rebirthing (rinascita): tecnica di respirazione profonda guidata da un rebirther (professionista che ha frequentato un corso di rebirthing).  Migliora l’ossigenazione delle cellule del corpo con un rallentamento delle tensioni muscolari facendo emergere pensieri ed emozioni represse.

Fermiamoci un attimo e prendiamo fiato.

Il paradosso del nostro tempo è che… ridiamo  pochissimo, soffriamo d’insonnia, e ci svegliamo stanchi. Questi sono tempi di pasti veloci e di  digestione lenta. George Carlin

Il respiro è vita…

 di Manuela Preatoni

Il respiro è vita, il respiro è un amico fedele che ci accompagna per tutta la vita, veniamo al mondo con il primo respiro e ce ne andiamo con l’ultimo.

Nella nostra vita possiamo dire di tutto, eppure, credetemi se vi dico che la maggior parte di noi non sa respirare.

Noi immettiamo nel nostro corpo il minimo indispensabile per sopravvivere, ma c’è molto di più… L’ossigeno è energia vitale, energia che si muove e che arriva a stimolare ogni singola parte di noi, rigenerando  cuore, anima, e corpo.

La nostra vita è fatta di emozioni, sogni, gioie, ma ahimè anche di dolori, sofferenze e sconfitte. Ogni qual volta viviamo una di queste esperienze, fateci caso, tratteniamo il fiato, resistiamo, non le manifestiamo, perché non è bene né piangere, né gioire… ed ecco che iniziamo a respirare male.

E’ così che il nostro modo naturale di respirare viene modificato, dalle nostre emozioni represse, dai ritmi di una vita affannata, dallo stress e dalle frustrazioni. Così il nostro respiro perde vitalità, perde la sua proprietà rigeneratrice, non è più spontaneo e liberatorio, e rimane intrappolato in corazze create da muscoli irrigiditi.

Senza rendercene conto perdiamo  i suoi effetti benefici.

Il respiro…

  • Rafforza il sistema immunitario.
  • Riduce la fatica e lo stress diminuendo il cortisolo ematico e il lattato (ormoni dello stress). L’effetto che ne scaturisce è quello di liberare le energie latenti accrescendo lo stato di vitalità mentale.
  • E’ disintossicante: il 70% delle tossine del corpo vengono rilasciate nell’espirazione riducendo acidità nel sangue e favorendo in questo modo la funzionalità dei reni.
  • Aumenta la produzione di endorfine, l’ormone della felicità, creando  rilassamento psicofisico, con uno stato di benessere generale e senso di pienezza e di soddisfazione.
  • Interviene nella regolazione del sistema endocrino.
  • Libera dalle tensioni  emotive.

Questi sono solo alcuni dei vantaggi di una buona e sana respirazione.

Avete mai osservato come respira un bimbo fino a 3-4 anni? Il suo respiro è libero, completo, abbiamo un’espansione sia della gabbia toracica sia dell’addome, l’energia attraversa tutto il corpo senza trovare barriere. Provate ad osservare un adulto, difficilmente avrà una respirazione completa, noterete che privilegerà, inconsapevolmente una parte del tronco, e soprattutto non sarà un respiro armonioso, ma spezzato, corto, leggero, a volte quasi impercettibile.

  • Eravamo capaci di respirare, ma ora è giunto il momento di re-imparare… Mettiamoci all’opera con un breve esercizio:

Riservatevi  10 minuti al giorno. Mettetevi comodi, seduti o sdraiati, in un luogo possibilmente tranquillo. Socchiudete gli occhi e iniziate a respirare normalmente prestando attenzione al vostro respiro, osservando dove la vostra energia non arriva, cercando di avvertite le tensioni nel corpo, i dolori, le sensazioni, le emozioni…

Poi osate un po’ aumentando leggermente l’inspirazione, senza esagerare. Anche se vi sembrerà che non ci sia più posto vi stupirete di quanta altra aria possiamo introdurre. Cercate di rendere il vostro respiro il più completo e uniforme possibile, senza resistenze, e senza forzature. Osservate ancora il vostro corpo, le vostre sensazioni, i piccoli cambiamenti che avvengono… Rilassatevi e iniziate a familiarizzare con il vostro migliore amico.

Alla fine avvertirete uno stato di benessere, leggerezza, un senso di liberazione da tensioni e stress… E pensate che avete respirato solo per  10 minuti.

Ci sono tecniche (Rebirthing, Breathwork…)  che propongono sessioni di respiro molto più lunghe e intense, ma che richiedono una preparazione, e, all’inizio, la presenza di un supervisore. Ma per il momento fermiamoci qui, iniziamo ad avvicinarci ad una respirazione sana e consapevole con questo semplice esercizio, per capire se questo fantastico mondo ci può affascinare…

Buona respirata a tutti!

Manuela Preatoni  
Fisiopterapista   E-mail: manu.marco@alice.it
Giuliano Di Betta 
Rebirther 

Comments

comments

About the author

CinziaTosini

CinziaTosini

Credo che la Terra ci possa salvare, se sapremo salvare lei...

1 Comment

  • Commenti alla pubblicazione riportata su Facebook

    Cucina Doc Italiana:
    Piu dell’80% delle persone non sanno respirare…. ed è una cosa importantissima.

    Chendi Monica:
    Un po’ come prepararsi al parto, continuamente. 🙂

    Cinzia Tosini:
    Esatto, questa è la realtà delle cose… pochissimi respirano nella maniera corretta, sono completamente assopiti dalla frenesia…

    Cucina Doc Italiana:
    Se guardi i bambini respirano perfettamente, poi con lo sviluppo, ci si dimentica come respirare…

    Cinzia Tosini:
    Come dice l’amica Manuela Preatoni, che mi ha aiutato nel comporre questo articolo: “Avete mai osservato come respira un bimbo fino a 3-4 anni? Il suo respiro è libero, completo, abbiamo un’espansione sia della gabbia toracica sia dell’addome, l’energia attraversa tutto il corpo senza trovare barriere. Provate ad osservare un adulto, difficilmente avrà una respirazione completa, noterete che privilegerà, inconsapevolmente una parte del tronco, e soprattutto non sarà un respiro armonioso, ma spezzato, corto, leggero, a volte quasi impercettibile”

    Rossella Fonsato:
    Grazie Cinzia, io non so affatto respirare e sto pensando di andare ad un corso di yoga x questo.

    Cinzia Tosini:
    Ciao Rossella, e fai bene!

    Chiara Boni:
    Quanto è vero Cinzia!! Ricominciamo da un respiro!!

    Roberto Giuliani:
    Cara Cinzia con me sfondi una porta aperta, la mia esperienza sin da ragazzo con la bioenergetica mi ha insegnato a capire quanto il respiro sia fondamentale, un respiro che deve essere totale, non si devono ossigenare solo i polmoni ma tutto l’apparato fino ai genitali, come fanno i neonati e gli animali. Il motivo per cui si respira poco e male è dovuto prorpio alle esperienze negative della vita che, spesso, finiscono per bloccare i nostri istinti naturali. Sbloccarli poi diventa davvero oneroso, bisogna passare per molti dolori e non è detto che alla fine ce la si faccia. Io comunque una cosa non la dimenticherò mai, mi è accaduto una sola volta con quella intensità: mentre stafo facendo un esercizio di respirazione (in modo meccanico), improvvisamente ho sentito il torace totalmente libero, come se non avessi più la cassa toracica a limitarmi, respiravo senza fatica né resistenza alcuna e ho provato una gioia interna incredibile, davvero un’emozione straordinaria che ha ben pochi paragoni.

    Giorgio Ferrari:
    Sagge parole

    Cinzia Tosini:
    Chiara… buonissima giornata! 🙂

    Cinzia Tosini:
    Roberto, capisco bene ció che dici. Ho respirato “sul serio per la prima volta” qualche giorno fa… Fortissima esperienza che non si puó capire se non la si vive… 🙂

    Cinzia Tosini:
    Giorgio… un abbraccio! 🙂

    Giorgio Ferrari:
    Ricambiato 🙂

    Daniela Berti:
    Grazie Cinziotta 🙂

    Cinzia Tosini:
    Ciao Daniela 🙂

    Dorina Gentili Ape Furibionda:
    E’ un problemone respirare bene, soprattutto se hai sofferto di DAP. Son sicura che Cinzia sa cos’è. Bacio

    Paola Furlan:
    Con il ‘respiro’ siamo continuamente in relazione con il resto dell’universo… Bello quello che hai postato Cinzia! Grazie, buon weekend 🙂

    Cinzia Tosini:
    Dorina ciao, gli attacchi di panico sono un grosso problema, so bene… qui dovrebbero intervenire gli esperti… Bacio a te! 🙂

    Cinzia Tosini:
    Grazie Paola! Grande veritá! Buon we a te! 🙂

    Marco Corti:
    Il respiro è fondamentale saperlo fare ma avere il ciclo di Krebs in ordine è fondamentale per la salute e per ottenere performances ottimali.

Leave a Comment

Seguici

Vuoi avere tutti i post via mail?.

Aggiungi la tua mail:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi